Questo è uno di quei giorni…

Ci sono giorni in cui mi alzo al mattino (alle 6.20 dal lunedì al venerdì) e mi sforzo di essere contenta; cerco di trovare dei motivi per cui arrivare soddisfatta a fine giornata: aver concluso qualcosa che avevo lasciato in sospeso, una notizia inaspettata che mi rallegra, la presenza nel mondo di 4 persone che amo e per cui so di contare qualcosa, il cielo azzurro, i canarini della vicina che canticchiano allegramente per tutto il pomeriggio, un bel film visto in italiano o in inglese, un libro per cui vale la pena di fermarsi un attimo… Tante piccole cose che, per me, sono importanti.

Ma poi ci sono giorni in cui mi sento una bolla di sapone travolta da un mare in tempesta.

Questo è uno di quei giorni…

Questo è uno di quei giorni in cui mi ricordo di essere quasi sulla soglia dei 30 anni e di non aver ancora concluso nulla di buono… questo è uno di quei giorni in cui temo che la casa editrice per cui sto traducendo gratis qualcosa a cui tengo possa voltarmi le spalle e dirmi che non può più pubblicare il frutto delle mie fatiche di questi ultimi mesi… questo è uno di quei giorni in cui mi basta una parola negativa per andare in frantumi… questo è uno di quei giorni in cui non ho certezze… questo è uno di quei giorni.

Informazioni su Dreaming Alice

Reading. reading and reading
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Questo è uno di quei giorni…

  1. rbernascone ha detto:

    Alice, quando fra tanti tanti anni si passerà di là dal velo e tu vedrai i sorrisi donati, le risate condivise, le lacrime di compassione gioia amore rabbia dolore vaga tristezza, i pensieri creativi, costruttivi, distruttivi per poi ricreare, vedrai ciò che hanno creato le parole che hai detto e anche quelle che hai taciuto… ti stupirai di quanto hai “concluso” in questi primi 30 anni!!!!!!!!

  2. ilpaesedellemeravigliedialice ha detto:

    Grazie per l’incoraggiamento! Purtroppo ci sono giorni in cui mi basta poco (qualcosa che ho letto o altro) per sprofondare negli abissi, al contrario di giorni in cui mi basta altrettanto poco per essere felice.

  3. Rossella da scuola ha detto:

    Cara Alice, è tipologico, e nella psicologia che ho studiato io quel tipo lì si chiama artistico-creativo. Contenta?

  4. ilpaesedellemeravigliedialice ha detto:

    Beh, credo proprio che dovrei cominciare a leggere qualche testo di psicologia: mi aiuterebbe a scoprire qualcosa di più su di me e sugli altri!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...