The World We Live In ovvero come ci vuole la società occidentale ovvero, “il lavoro nobilita l’uomo?”

Ieri un amico ha pubblicato su Facebbok un link a un articolo http://www.repubblica.it/scienze/2010/11/12/news/cervello_distratto_ricerca_harvard-9026443/ e l’ha commentato dicendo che il lavoro è innaturale, che non nobilita l’uomo. Ma guarda un po’, mi son detta, ogni tanto trovo qualcuno che la pensa come me. Immancabilmente, proprio perché il mondo è vario, arriva la persona pronta a dissentire perché il lavoro nobilita eccome, ti fa sentire parte della società.

Sul momento mi sono limitata a qualche breve commento e poi ho lasciato correre. Stamattina però, mentre pulivo il bagno (ebbene sì, mentre pulisco mi scappa di riflettere) mi è tornata in mente questa discussione e, come sempre, la conclusione a cui sono arrivata è che la società, la famiglia, la scuola, ti insegnano fin dalla più tenera età che devi entrare a far parte di un meccanismo, in modo che questo possa continuare a girare (vogliamo chimarla economia? Ma sì, chiamiamola così) e che per poterci entrare devi saper fare qualcosa, che si tratti di un’attività manuale o mentale, che tu sia libero professionista o dipendente. Non importa, devi entrarci anche tu perché se non ci entri sei assolutamente inutile. E così a scuola non fanno altro che chiederti cosa vuoi fare da grande, e tu rispondi in mille modi diversi (non posso dimenticare un compagno di mio fratello che rispose di voler fare il killer) finché non ti scontri con la dura realtà.

Apro una parentesi (un trattino, ecco) – quando ero piccola io le risposte erano molto diverse e fantasiose: qualcuno voleva fare l’avvocato, chi il medico, l’attore, il calciatore, chi voleva fae il meccanico (sì, c’era anche quello), chi l’insegnante. Io volevo fare prima la stilista, poi volevo studiare i fiori e poi, per molti anni, rimasi dell’idea di fare l’astronomo. Conclusione: faccio tutt’altro. Oggi cosa risponderebbe un bambino: immagino l’attore, il tronista di Amici, il ballerino di Amici, il cantante a X-Factor, il gigolò al Grande Fratello… forse pure il calciatore. E le bambine? Come sopra, però ci aggiungiamo anche la escort, sai mai (Se siete genitori, sarò felicissima di sapere che i vostri figli non volgiono fare nessuna di queste cose. Vi prego, ditemi che è così) – Chiusa parentesi.

Si parlava della dura realtà. Be’ la dura realtà è che il lavoro nobilita l’uomo ma non in questa realtà (la ripetizione è voluta). Forse in quella parallela sì; in questa non più. Il lavoro nobilita l’uomo quando ogni lavoro è utile a migliorare la società; un lavoro nobilita l’uomo quando tutti, e ci tengo a sottolineare quel tutti, possono trarne benefici; un lavoro nobilita l’uomo quando permette di farsi una vita propria; un lavoro nobilita l’uomo quando permette, finite le tue 8 ore quotidiane, di dedicarti ad altro e ad altri; un lavoro nobilita l’uomo quando sai che paghi i contributi all’INPS a chi sta per andare in pensione e che quelli più giovani pagheranno per te; un lavoro nobilita l’uomo se ti sei rotto il culo per meritarti proprio quel lavoro senza leccare il culo a nessuno ma solo per via dei tuoi meriti; un lavoro nobilita l’uomo quando rende stabile la tua piccola realtà; un lavoro nobilita l’uomo quando non ci sono guerre tra poveri per una manciata di euro.

Ecco perché si potrebbe intitolare un romanzo fantascientifico “Il lavoro nobilita l’uomo”.

Informazioni su Dreaming Alice

Reading. reading and reading
Questa voce è stata pubblicata in La vita l'universo e tutto quanto e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...